Africa

Namibia


Okonjima

Okonjima è forse la guestfarm più famosa della Namibia, anche se è ormai da anni diventata un lodge di lusso. Si trova nella regione del Waterberg, a circa 3 ore a sud dell'Etosha e a menio di 2 ore dal Waterberg Plateau. La riserva è paesaggisticamente bellissima e include due struttur ricettive principali: il main camp (quello originario) e l'esclusivo ed isolato bushcamp. E' inoltre possibile pernottare in lussuose ville nel bush.

Tra le attività possibili segnaliamo:

1) LARGE CARNIVORE TRACKING ON FOOT: gli ospiti sono invitati a partecipare alla ricerca a piedi di ghepardi e iene miniti di radiocollare, nell'ambito di progetti di ricerca e riablitazione al fine del loro reinserimento.

2) BUSHMAN TRAIL: l'esperienza di un giorno da boscimani. Facile escursione a piedi molto informativa su cultura, tradizioni e tecniche di sopravvivenza nel bush da parte dei primi abitanti dell'Africa.

3) NATURE TRAIL: escursione a piedi (non guidata) di 8 km nella riserva di Okonjima.

4) BIRD WATCHING: cercare e identificare alcune delle oltre 250 specie di uccelli che popolano la riserva.

5) ANIMALI NOTURNI: osservazione delle creature della notte da apposositi hide. Ottime possibilità di vedere istrici, caracal, leopardi.

Okonjima è famosa per il suo programma di recupero di ghepardi. E' sede dell'AfriCat Foundation, associazione no-profit a questo principalmente dedicata. L'avvistamento di ghepardi  eleopardi è praticamente garantito, ma occorre tenere presente che gli animali nsi trovano all'interno di vaste enclorures e sono pertanto semi-liberi. Ciònonostante, tra programmi similari, quello di Okonjima è uno dei più seri e quanto meno è stato sospeso da anni il patetico momento del "feeding", con pezzi di carme lanciati dalle auto per essere immortalati dai turisti.

Africat ha salvato oltre 1000 predatori (soprattutto ghepardi e leopardi) dal 1993, di questi l'86% è stato poi rilasciato in libertà nei parchi nazionali o in riserve private.

L'area è malaria-fee.

 

 







Condividi questo articolo
Condividi su TwitterCondividi via Mail