La patria del safari.

Home / botswana

Perchè il Botswana

Forse la migliore destinazione africana per i safari: moltissimi animali, nessuna ressa di turisti, eco-sistemi unici al mondo.

 

Quando andare

Il periodo migliore per i safari è la stagione secca, da giugno a ottobre, mentre per il birdwatching senza dubbio da novembre a febbraio.

 

Rapporto qualità-prezzo

1) Il Botswana non è una destinazione economica, ma da dicembre a febbraio/marzo si può spendere circa 1/3 rispetto all’alta stagione, oltre a vedersi interamente abbuonato il supplemento singola.

2) Partecipare a un camping safari consente di vivere una full immersion unica e ancora più autentica con la grande wilderness africana, risparmiando su sistemazioni in lodge e sui trasferimenti tra i campi (via terra invece che a bordo di piccoli aeromobili).

 

Principali parchi e riserve

Delta dell’Okavango. Eco-sistema di paludi e acquitrini unico al mondo, paradiso dei birdwatchers. Si esplora meglio in barca o canoa. Pernottando in campi o lodge sugli isolotti del Delta, tra canneti di bambù e canali di papiri è un’esperienza che rimanda ad un’altra dimensione.

 

Moremi Game Reserve. La perla dell’Africa australe, la parte emersa del Delta, la più ricca di fauna e di grandi mammiferi, soprattutto nelle zone di Xaxanaxa, Third Bridge e Kwai. La combinazione con il Delta costituisce un connubio inscindibile per un safari al top.

 

Chobe National Park. Una concentrazione d’elefanti impressionante, soprattutto lungo il fiume omonimo, noto per i colori infuocati dei suoi tramonti.

 

Savute. La regione del Chobe più arida e selvaggia, set di documentari sensazionali ad opera del National Geographic, famosa per la grande concentrazione di grandi predatori e per i combattimenti all’ultimo sangue tra iene e leoni, questi ultimi famosi per avere aggredito in più circostanze persino elefanti adulti.

 

Tuli Block. Splendida wilderness al confine con il Sud Africa, conosciuta come la terra dei giganti, per la presenza di grandi alberi (mashatu, baobab), numerose mandrie di elefanti e grandi predatori, con una notevole concentrazione di iene. E’ una delle regioni che offre le maggiori possibilità di avvistare il leopardo. Negli ultimi anni, grazie all’installazione di hides di nuova generazione, è diventata una delle mete più ambite da parte degli appassionati di fotografia naturalistica. Il livello dei prezzi è più simile a quello del Sud Africa che non al resto del Botswana.

 

Cosa fare?

1) Safari in jeep nella Moremi

2) Escursioni in barca o in mokoro nel Delta dell’Okavango

3) Safari a cavallo nel Delta e nella Tuli Wilderness

4) Safari a dorso d’elefante nell’Okavango.

5) Workshop fotografici a Mashatu